Archivi delle etichette: colazione

yogurt time

_MG_0060modificata

Non posso neanche immaginare di svegliarmi e non fare colazione. Ho un risveglio piuttosto veloce e non amo dormire molto, ma appena aperti gli occhi riesco a fare solo pochi movimenti automatici. Quando, per ragioni di forza maggiore, devo posticipare la colazione (saltarla è impensabile), la giornata si inversa immediatamente.  A casa, durante il fine settimana, preferisco invitare amici e familiari per colazione piuttosto che per pranzo. Un giorno vi racconterò delle mie famose colazioni domenicali. Perché il tempo della colazione è un momento di pace con il mondo, uno spazio fra ognuno di noi e ciò che c’è fuori di noi. Quindi farla con calma è fondamentale. So bene che prima di uscire al mattino siamo tutti un po’ frenetici ma sono certa che bastino 10 minuti in più per cambiare una giornata. Per me è il massimo della vita. Vi è mai capitato di sentirvi felici dopo una colazione tranquilla mentre siete in vacanza?!?! ecco il concetto è quello. Se fatta con tranquillità e preparata con criterio ti lascia il sorriso fino a sera. Non deve mai mancare la frutta e un buon tè caldo. Aggiungo ormai da diverso tempo una fetta di pane tostato con marmellata e il succo di limone diluito con acqua (che vi ho consigliato qualche giorno fa). E poi lo yogurt. Ormai ho preso l’abitudine di farlo a casa. Qualche anno fa ho comprato una yourtiera che (per non molti euro) mi regala uno yogurt squisito. Con un litro di latte (intero, meglio fresco) e una bustina di fermenti lattici (che si acquistano in farmacia e si possono riutilizzare diverse volte) avrete un prodotto eccellente, sano e senza l’aggiunta di altri ingredienti. Provate ad assaggiarlo e sono certa che correrete a comprare la macchina per farlo.  Devo dire che, nonostante questo, non disdegno per niente anche gli yogurt che si comprano in alimentari e supermercati. Li riservo alle piccole pause della giornata, agli spuntini di metà mattina e pomeriggio. La macchina impiega dalle 7 alle 9 ore per preparare lo yogurt quindi ho imparato a prepararlo la sera prima di andare a dormire o la mattina prima di andare al lavoro. In pochissimi minuti basta mescolare il nostro litro di latte ai fermenti (o ad un vasetto della precedente preparazione) e versare il tutto nei bicchierini forniti con la macchina e impostare il cronometro. Le variazioni del tempo permettono di avere un prodotto più o meno denso e più o meno vicino allo yogurt greco. Quello che varia è proprio l’acidità e dipende molto dal gusto personale. Ognuno potrà scegliere il timing che preferisce. Per me 8 ore sono perfette. Ieri mattina uscendo (non ero in ritardo, stranamente), ho programmato la macchina e al mio ritorno ho trovato questa meraviglia. Quando ha finito è necessario lasciar raffreddare i vasetti prima di riporli in frigorifero quindi avete tutto il tempo e potete fare con calma. E’ possibile farlo anche in casa, completamente home made, ma sono una persona pratica quindi preferisco usare la macchina che è comodissima e poco costosa (visto l’uso assiduo si ammortizza brevemente).

Per oggi il mio menù è yogurt con fragole fresche. Se ne avanzerà qualcuna ho già in mente di frullarla con il frullatore ad immersione unita ad un po’ di succo di limone e una punta di zucchero.  E la mia merenda sarà pronta! Ho già l’acquolina in bocca!!! Ops è tardi…corro al lavoro!

Keep in touch and keep cooking.

_MG_0087modificataIMG_5006modificata_MG_0080modificata_MG_0076modificata

 

Buongiorno Mondo!!!

Fa un freddo cane. nella mia fantasia pensavo che oggi sarebbe stata una tiepida giornata di primavera!! Macchè!! Vi capita mai di avere un desiderio così semplice, tanto da non venirvi neanche il dubbio che tale pensiero non sia minimamente aderente alla realtà?!?!? perchè avrebbe dovuto esserci il tepore tanto sperato?!?!? adoro quando accade…adoro stupirmi delle piccole cose, adoro sorprendermi e fermarmi quel magico secondo mentre il cervello rimette insieme le idee e razionalizza quella che fino a poco prima era stata semplicemente e meravigliosamente una fantasia. E’ un meccanismo così candido che ho riscoperto di recente…dopo che per anni ho vanamente tentato di mettere tutti i pensieri in fila come diligenti soldatini.

Abbiamo già deciso di fare colazione fuori, contrariamente al solito. Perchè fare colazione a casa è uno di quei piccoli deliziosi riti che permettono di iniziare la giornata con la persona giusta, con cibo sano e con un pizzico di calma(nel limite del possibile se uno è un pigrone come me). Quindi stamattina ho rinunciato alla mia papaya con cereali e yogurt, al caffè e anche a quel pezzettino di plumcake con le carote fatto l’altro giorno.

E quindi??? dove facciamo colazione??? la mente si svuota…completamente ..senza nemmeno il minimo bagliore di dove poter andare. Allora mi dico: “sulla strada verso l’ufficio mi verrà in mente!”

Ed ecco l’illuminazione. Omelette e Baguette ha appena aperto vicino a casa. Da provare, decisamente. Vorrei tentare un brunch al sabato ma in un grigio mercoledì ci si deve accontentare di un cappuccino e brioches!!! L’ambiente è accogliente, tutto bianco come piace a me, tante gallinelle in varie forme sparse per il locale. Non c’è molta gente ma sono all’inizio. Tazze trasparenti per un cappuccino cremoso e ben fatto. Croissant burroso ma estremamente leggero. Promosso.

Arrivata in ufficio ho di fronte la mia amica Carla e subito ritorno alla realtà. Ma con un pensiero dolce seppur emblematico: carne o pesce?? stasera lei, suo marito Massimo e la piccola Giulia verranno a casa per una cenetta tra amici. Cosa cucino?!?!?! ritorno a lasciarmi cullare dalle mie fantasie in attesa della seconda illuminazione della giornata…..vi racconterò cosa questo produrrà!

COOKINGSULLENUVOLE

Cucinare è Vita

She Loves Autumn

A Beauty Blog

Cuoca in prova

nata per vivere in un mondo di burro e zucchero

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

PANEDOLCEALCIOCCOLATO

Cucinare è Vita

Note di Cioccolato

Cucinare è Vita

Ribes e Cannella

Cucinare è Vita

Due bionde in cucina

Cucinare è Vita

Cucinare è Vita

missbeckyscottage

Cucinare è Vita

Mon petit bistrot

Cucinare è Vita

Quinto Senso Gusto

Cucinare è Vita

Pane, burro e alici

Cucinare è Vita

Luca Centurelli

fotografia, siti internet, grafica: Ancona, Marche

Ascolta i sapori

Questa pagina e' un omaggio a chi mi ha fatto amare la cucina, i sapori di una volta, la qualita' e la ricerca, la passione, e qualche colpo di testa!

La Sphiga di Grano

Piccolo manuale di sopravvivenza alla celiachia