Archivi delle etichette: marmellata di albicocche

crostata con marmellata di albicocche, per tutti!

_MG_5856modificataHo presto trovato risposta alla mia indecisione circa cosa fare della pasta frolla che avevo preparato. Sono a dieta quindi qualsiasi cosa sarebbe stata per me praticamente off limits. Per esperienza credo di aver preparato i dolci migliori proprio mentre ero a dieta o, per qualunque motivo, non potessi poi mangiarli. E’ come una sorta di riscatto. Non posso assaggiare un a torta o dei biscotti? allora farò i migliori della storia!!! E’ un po come mettere un po’ di questa voglia di golosità nelle cose che faccio. Adoro preparare i dolci: crostate, torte al cioccolato, creme, biscotti, plumcake, dolci al cucchiaio e con la frutta. C’è qualcosa di magico nella pasticceria. Per una piccola cuoca come me che ha la brutta abitudine di cambiare ingredienti e quantità posso dire che non è così semplice. Sì perchè la pasticceria è rigorosa. Gli ingredienti devono essere rispettati sia nella tipologia che, sopratutto, nelle quantità. Quindi devo proprio fare uno sforzo per non lasciarmi prendere dalla smania di fare come mi pare. Questa volta sono stata quasi brava. Ho deciso di provare una ricetta della crostata che ho trovato su la La Cucina Italiana di ottobre. Ho cambiato solo la tipologia di farina (ops). Ho usato quella di farro (biologico). Ma per il resto sono stata scrupolosa e mi sono attenuta pedissequamente. Per fare contento il mio amico Lele, ho preparato la crostata di marmellata di albicocche, la sua preferita. Risultato? appena l’ha ricevuta, l’ha mangiata tutta. Anche nel mio ufficio è andata a ruba e la mia amica Carla è arrivata troppo tardi ed è rimasta senza. Quindi stamattina mi sono alzata presto per preparare una crostatina anche per lei. Corro a portargliela! Buona giornata, gente!!!!

 

Ingredienti: 250 gr. di farina di farro bio, 150 gr. di burro, 100 gr. di zucchero, 2 tuorli, mezza bacca di vaniglia, scorza di limone, sale e marmellata di albicocche.

Procedimento: impastare il burro ammorbidito con il sale e la farina, fino ad avere un composto sabbioso. Sbattere i tuorli con i semi ottenuti dalla bacca di vaniglia. Unire le uova e lo zucchero al burro e alla farina . Aggiungere la scorza di limone e impastare velocemente finchè non diventerà omogeneo. Formare un palla, ricoprirla con la pellicola e lasciare in frigorifero a riposare per almeno un’ora. Stendere 2/3 della pasta fino allo spessore di un mezzo centrimetro. Foderare la teglia con burro e farina. Stendere l’impasto e forare la base con la forchetta affinchè cuocia meglio. Farcire la torta con la marmellata. Stendere l’ultima parte della pasta fino a formare delle striscioline e appoggiarle sulla marmellata fino a creare la classica griglia. Decorare il bordo della crostata con una forchetta. Infornare a 180° per 30 minuti.

Soundtrack:https://www.youtube.com/watch?v=aEnfy9qfdaU

keep in touch and keep cooking.

_MG_5830modificata _MG_5852modificata _MG_5850modificata

Annunci

marmellata di albicocche, per chi sceglie una casa lontana

_MG_5191modificata Ieri un caro amico è tornato da sua moglie, a casa sua, quella che ha scelto per amore e per il futuro: il Messico. Dopo un mese di vacanza nella sua terra d’origine è ripartito verso un continente lontano. Un continente che lo ha accolto a braccia aperte. Ho grande ammirazione per chi decide di vivere in un altro paese. Forse perchè, in cuor mio, ho sempre voluto fare un’esperienza di vita in uno stato diverso dal mio. Non si tratta di voglia di andare via; piuttosto voglia di essere anche in un altro posto. Sono troppo curiosa e questo mi permetterebbe di cambiare stile di vita, di apprendere una lingua nuova o migliorarne una che già conosco. Potrei vivere secondo regole diverse, scardinando ogni centimetro di certezza che vive in me. Amo cambiare, questo ormai lo sanno tutti. La cosa più strana è che in diverse occasioni sono stata ad un centimetro da questo passo. Ma non è mai stata la mia strada. Ci sarà una ragione, ma non la capisco. O forse è un privilegio che mi concederò, un giorno. Quello che è importante è la percezione che ho nei confronti dei tanti amici che hanno fatto questa scelta di vita. Chiaramente ci si vede meno. Tutti tornano a casa, di tanto in tanto ma, quando posso, vado a trovarli. Che siano dall’altra parte dell’oceano o a un’ora di volo da qui, c’è un filo conduttore che li accomuna: il cambiamento. Si cambia quando si vive in un altro paese. La ricchezza che si acquista è innegabile. La dinamicità delle anime diventa percepibile e lo spessore di ognuno risalta ancora di più. Viaggiare apre la mente, l’ho sempre pensato. Ma vivere lontani permette ad ognuno di crearsi un’identità definita, solida e brillante.

Ho aperto un vasetto di marmellata di albicocche, stamattina. Mi sono resa conto di non avervi dato questa ricetta. Ve la faccio assaggiare anche se non potrete prepararla perché ormai le albicocche torneranno solo la prossima estate. Tenetela però da conto perché tornerà buona con le prossime primizie estive. In queste giornate grigie, è meraviglioso iniziare la giornata con questo colore intenso e questo sapore delizioso.

Ingredienti: albicocche, limoni, zucchero.

Procedimento: Lavare e tagliare le albicocche in pezzetti. Per ogni kg di frutta, spremere un limone e circa 100 gr. di zucchero. Lasciar macerare qualche minuto e mettere sul fuoco. Lasciar sobbollire a fiamma lenta, girando spesso, finché la consistenza non sarà perfettamente pronta per la prova sul cucchiaino. Con queste piccole quantità di zucchero ci vorranno un paio di ore ma ne varrà la pena.

Soundtrack:https://www.youtube.com/watch?v=Dpcg5Pg4zHY

keep in touch and keep cooking

_MG_5190modificata _MG_5193modificata _MG_5200modificata _MG_5203modificata

Gingerella La Dolce

"Se non hanno pane, che mangino brioches" Cit. Maria Antonietta

COOKINGSULLENUVOLE

Cucinare è Vita

She Loves Autumn

A Beauty Blog

Cuoca in prova

nata per vivere in un mondo di burro e zucchero

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

PANEDOLCEALCIOCCOLATO

Cucinare è Vita

Note di Cioccolato

Cucinare è Vita

Ribes e Cannella

Cucinare è Vita

Due bionde in cucina

Cucinare è Vita

Cucinare è Vita

missbeckyscottage

Cucinare è Vita

Mon petit bistrot

Cucinare è Vita

Quinto Senso Gusto

Cucinare è Vita

Pane, burro e alici

Cucinare è Vita

Luca Centurelli

fotografia, siti internet, grafica: Ancona, Marche

Diario di una mamma "in corriera"

Pendolando tra casa, asilo, ufficio e fornelli

LaCUCINAdiLUX

Il Crohn si può prevenire e sconfiggere

Ascolta i sapori

Questa pagina e' un omaggio a chi mi ha fatto amare la cucina, i sapori di una volta, la qualita' e la ricerca, la passione, e qualche colpo di testa!

La Sphiga di Grano

Piccolo manuale di sopravvivenza alla celiachia